Ricerca e Docenze; quali incarichi per i pensionati della PA

Mag 13, 2016 | Posted by in Approfondimenti, Enti Pubblici | 0 comments

Il divieto di conferire incarichi ai pensionati nelle PA non si applica ai commissari straordinari (o
ai subcommissari) nominati temporaneamente al vertice di enti pubblici o per specifici mandati
governativi; agli incarichi di ricerca e di docenza, a patto che siano “reali” e non fatti per
aggirare il divieto; gli incarichi nelle commissioni di concorso e di gara, quelli in organi di
controllo (collegi sindacali e comitati dei revisori, purché non abbiano natura dirigenziale), così
come la partecipazione a organi collegiali consultivi, come quelli delle scuole. Sono queste le
eccezioni contenute al divieto imposto dall’articolo 6 del Dl 90/2014 convertito nella legge
n.114/2014 contenute nella circolare n. 6 del 4 dicembre della Funzione pubblica che interviene a
chiarire le possibilità di attribuire incarichi ai pensionati all’interno delle Pubbliche
amministrazioni.

I chiarimenti

Lo stop, precisa la circolare, riguarda tutti gli incarichi dirigenziali (compresi quelli di direttori
delle Asl e di responsabili degli uffici di diretta collaborazione di organi politici), quelli di studio
e quelli di consulenza; ma la limitazione non impedirà, tra l’altro, a chi è andato in pensione per
la propria carriera di concorrere per un impiego in un altro settore della PA…

L’articolo è stato scritto dal dott. Vincenzo Tedesco e pubblicato su Scuola24 il 12.12.2014